Fuse* presenta Dökk a Matera

Nel programma di Matera 2019 – Capitale Europea della Cultura – il 19 maggio al teatro Duni va in scena l’arte digitale

Sede

Teatro Duni di Matera

Data

19 maggio 2018

Iniziativa

“Di palco in palco”

Ascendenti, connessioni, fusioni e prospettive

“Arte e Tecnologia”

Dökk è la (mia) prima esperienza d’arte contemporanea che ho assistito a Matera, nel piano di Capitale Europea della Cultura 2019.
Un appuntamento pubblico, realizzato nell’unico teatro (in centro) della città con un’alta capienza. E fortunatamente, perché il 19 maggio 2018 il live media opera ha registrato il sold out.
Locandina dello spettacolo
Un evento suggerito per tutti e tutte le età, inserito in un circuito per l’infanzia, anche se d’infantile aveva ben poco… A parte questo, lo spettacolo è stato coinvolgente e scadenzato dai tempi indicati nel volantino.
Divieto di foto e video per ottenere uno sguardo attento ed immersivo verso una scenografia fatta da una miriade di lucine, progettata per una percezione tridimensionale dello spazio, e animata dalla performer, Elena Annovi, conosciuta per la sua danza in sospensione, la Vertical Dance e la ricerca del movimento aereo.
Cosa significa Dökk?
La parola “Dökk” in islandese significa ‘Buio’. Infatti, è una parola che nasce dall’etimologia di ‘Oscuro’, per intendere qualcosa privo di luce o di poco chiaro, alludendo a condizioni fisiche o moralmente equivoche oppure a situazioni di indeterminatezza, incertezza.

“Dökk” cela molti significati come quello interpretato nello spettacolo materano.

Live Media Opera
Lo spettatore è testimone di un viaggio nell’inaspettato, che la danzatrice compie alla costante ricerca di un equilibrio tra luce e buio; attraverso una sequenza di “stanze” o ambientazioni digitali in continua successione. Un percorso composto da universi che si materializzano nello spazio e nella mente e che subito si dissolvono, secondo un ciclo in cui la fine coincide con un nuovo inizio.

Mondi ed universi che si disegnano e si dissolvono. Spazio e tempo, alterati da una sequenza di paesaggi digitali che assomigliano a delle galassie sconosciute.

Una sorta di realtà aumentata, creata però, in tempo reale grazie alle movenze della performer. Infatti, la particolarità dello spettacolo è data da dei sensori biometrici e di movimento indossati dalla danzatrice e alcuni posizionati sul palco, che interagendo modificano la proiezione delle immagini e dei suoni.

Un balzo scaturisce un fragore. Un piegamento del corpo condiziona una cascata di luci, che sembrano scie stellate.
Non ci sono parole, ma solo gestualità e musica. Suoni concepiti come una voce narrante, che ti accompagnano per tutto lo spettacolo, in contrapposizione (sembra) alla teoria della sincronicità, dove nulla accade per caso. Qui, la narrazione è un continuo divenire.

DÖKK vince al Digital Design Award 2017, nella categoria Sound Design

La combinazione tra arte e tecnologia ha certamente amplificato l’impatto emotivo della performance. E questo è il successo di Dökk, che ha già girato il mondo (Corea del Sud, Taiwan, Bratislava, la prima italiana a Bologna), ma anche l’intento di Fuse*, il collettivo artistico, indipendente e italiano, nato nel 2007, che ha curato l’opera per la città dei Sassi.

Dokk by zero.eu

Altri articoli che potrebbero interessarti

In cucina con Jackson Pollock

In cucina con Jackson Pollock

Dimmi cosa mangi e ti dirò chi sei...Uno dei ricordi più belli che ho dell'università è il momento in cui ci incontravamo tra amici e improvvisavamo delle cene...CittàLong IslandReperibilitàShop online H24Adatto a:tutte le etàGenereLibro e mostra IntroduzioneJackson...

leggi tutto